10 tips per non sembrare sciatte e avere sempre un aspetto curato.

Le mie 10 tips per avere sempre un aspetto curato ed evitare di apparire sciatte o trasandate anche se non hai voglia o tempo.

Direi che possiamo far partire il tag #CHIESTODATE.

Ultimamente mi state chiedendo di rispondere ai vostri dubbi con particolari articoli; nel caso specifico, la richiesta di oggi era di scrivere una mini guida su come abbinare pochi capi in tante combinazioni e con poco sforzo ma, prima di dare la colpa alla nostra presunta incapacità di matchare i nostri vestiti, voglio fare un attimo passo indietro perché, a volte, sfuggono delle regole fondamentali che, se seguite, evitano di farci sembrare sciatte. Non temere, a tutti è capitato almeno una volta nella vita, capita anche a me (“disse lei con infinita modestia.”).

Avendo io il cervello a forma di Excel (come decretò qualche anno fa il mio amico Maurizio), per praticità divido questo articolo in 10 step dal più importante e imprescindibile all’ultimo per le più motivate: puoi anche procedere un punto alla volta iniziando dal n°1 fino ad arrivare al n°7. Pronta?

1) VIA I CAPI VECCHI / MACCHIATI / DI TAGLIA SBAGLIATA

Sembra una banalità ma non lo è! Mettiti davanti all’armadio con occhio critico e inquisitore (con lo sguardo cattivo funziona anche meglio): quanti capi sono sformati, con i pallini, macchiati, ingialliti, scoloriti o sono semplicemente di una taglia che non è più la tua?
. Nessuno –> Fantastico! Vai al punto 2.
. Non lo so: il mio armadio è un casino! –> Leggi i miei articoli sul Decluttering What a mess! Armadio in ordine.
. Da qualcuno a parecchi –> Qui c’è poco da pensare: fai fuori tutti questi vestiti e, se sono capi base del tuo guardaroba (es: jeans sdruciti, maglioni deformi, cardigan tempestati di pallini, quella camicia bianca con ancora l’alone del ragù di zi’ Teresa), esci e comprane di nuovi!

Ok, sono troppi? Ricordati che per essere in ordine non devi avere per forza il guardaroba di Cher in “Ragazze a Beverly Hills”, basta avere i capi base principali e poi, col tempo integrare il guardaroba un pezzo alla volta.

2) ATTENTA A PROPORZIONI, LUNGHEZZE E STRUTTURA

Sei proprio convinta che quel maglione sia OVER e non ENORME? È vero che nell’ultimo periodo la moda veste over, vanno cioè i capi finto-grandi che ricalcano le tendenze anni ’90 – alla Kurt Cobain nell’unplugged di MTV (Kurt, perdonami per averti scomodato per un’occasione tanto frivola!), ma seguire queste linee guida è spesso un rischio perché il GIGA può essere interessante ma bisogna che sia studiato altrimenti si rischia di sembrare un sacco a pelo! La stessa regola vale per i pantaloni troppo lunghi (o troppo corti), scarpe visibilmente più grandi di un numero – finiresti col sembrare un bimba che gioca coi tacchi della mamma-, o giubbottoni troppo gonfi: in questo ultimo caso se sei bassa scompari, se sei alta rischi l’effetto omino Michelin. So che c’è anche qualche gentiluomo in ascolto: questa regola vale anche per voi! <3


Lei è Audrey Lombard, una delle mie influencer preferite. Ecco un esempio di OVER giocato bene.
Sempre Audrey Lombard in versione over invernale.

3) VAI DAL PARRUCCHIERE

Non sottovalutare i capelli. Ti invito a fare un esperimento: truccati bene ma lascia i capelli sciatti e senza forma; fatto? Bene! Ora struccati e fatti la piega. Quale dei due risultati è il migliore?
Dopo anni di studio (che donna di cultura, eh?) ho capito questa cosa fondamentale: I CAPELLI FANNO ALMENO IL 30% DEL LAVORO, quindi non lasciarli mai sporchi, legati male, con brutti elastici o peggio ancora con la pinza (paurissima!); piuttosto segui questa dritta: fai le trecce; sì, la mia personale soluzione a questo problema sono loro: quando la mattina i miei capelli non vogliono proprio saperne, mi armo di elastici e faccio le BOXER BRAIDS – no, non è difficile se ci prendi la mano, io adesso le faccio anche senza specchio!

Immagine da Pinterest di Boxer Braid su capelli lunghi.
Immagine da Pinterest di Boxer Braid su capelli corti.

Se poi hai poco tempo o un bimbo che piange ogni 5 minuti opta per un taglio corto che asciughi in un attimo e riesci a gestire meglio e con meno sforzo.

Lei è Zoe e il suo bob disordinato è un must.
Altra foto da Pinterest: questa è la soluzione per le più ardimentose. Sicuramente si asciugano in un istante.

4) NON SOTTOVALUTARE LE SOPRACCIGLIA

Altra scopertona del secolo è sicuramente il vello facciale. Ebbene sì, il viso è la prima cosa che notiamo in una persona e togliere gli occhiali da sole scoprendo la foresta pluviale non è esattamente il massimo della meraviglia. Armati quindi di holy patience, disbosca sopracciglia e baffi e vedrai che tra loro e i capelli in ordine il tuo aspetto è già migliorato tantissimo.

5) STIRA I VESTITI

Questa è un’altra scoperta dell’acqua calda ma un po’ meno calda.
Quando vivevo a Roma in coabitazione non avevamo né ferro né asse (in realtà questa è una caratteristica di moltissime case studenti) e per anni non ho mai stirato i miei vestiti; nonostante questo non sono mai uscita “ciancica” primo perché non potere/volere stirare non deve diventare motivo di sciatteria, secondo perché ormai esistono in commercio miriadi di capi che non necessitano di stiraggio e ci sono diversi metodi per evitare che i vestiti, una volta tirati fuori dalla lavatrice, siano più spiegazzati del solito.

6) NON MISCHIARE I COLORI

Cominciamo ad entrare nel vivo del discorso: finora ti ho elencato gli IMPRESCINDIBILI, cioè tutte quelle cose che dovrebbero essere OBBLIGATORIE PER LEGGE. No, scherzo, ognuno fa ciò che vuole ma a mio avviso seguendo i primi quattro punti sopra abbiamo già ottenuto una buona base da cui partire per poi concentrarci sui dettagli.
Questo punto comprende il vestiario.
MAI, MAI ESAGERARE CON I COLORI: sei non sei espertissima di palette, se la cromatologia non è il tuo mestiere o se semplicemente non padroneggi ancora l’antica arte dell’accostamento dei colori il mio consiglio è sempre lo stesso: USA I COLORI BASIC (bianco, nero, jeans, blu, beige, cammello)! Non avventurarti in un turbinio di tinte fluo e fantasie difficili, leggi i miei articoli L’importanza del colore nel nostro guardaroba e NERO – 5 colori del 2019 con cui abbinarlo e comincia a studiare… ne riparliamo tra un po’!

Img via Pinterest.

7) SMALTO MANGIATO

Te lo dice una che si mangia le unghie da quando ha messo il primo dentino. Sbeccato, consumato, sbiadito lo smalto rovinato è una delle cose più brutte che si possano vedere, piuttosto non metterlo!

Img via Pinterest.

8) NO BORSONI A TRACOLLA

Questione borse. Lo so che quando si esce di casa ci si porta sempre una carrettata di roba utile e inutile ma se questo significa andare in giro come nomadi tocca trovare una soluzione. No, quindi, a borsoni a tracolla, peggio se di stoffa e variopinti (tipo quelli che si usavano a cavallo col nuovo millennio), borse mosce a mo’ di cicogna, sacchi, sacchetti e sportine per la spesa… insomma, compra una bella shopping bag strutturata, o uno zaino di pelle capiente e chic!

Img via Pinterest.
Img via Pinterest.

9) SNEAKERS SOLO SE IL RESTO È CURATO E STILOSO

Sneakers, croce e delizia: nel precedente articolo Eleganti, femminili e chic con le SCARPE BASSE dicevo che le scarpe da ginnastica non sono necessariamente sciatte se usate con cervello, quindi prendi nota di queste indicazioni: no a sneakers sporche, no a sneakers anonime, no a sneaker accostate ad un outfit anonimo, soprattutto. Se il resto è curato, se indossi una giacca o un cappotto strutturato, se hai fatto attenzione ai gioielli nessuno ti vieta di uscire con le Converse perché smorzano e sdrammatizzano il tutto ma se indossi dei jeans senza un taglio particolare e una felpa monocromo ecco che il tuo look apparirà trascurato e senza carattere.

10) SCEGLI UN KIT DI GIOIELLI

Ultima tip per le più ardimentose: i gioielli a volte possono salvare un look banale. In un precedente articolo GIOIELLI: quali scegliere, come sceglierli e quando indossarli + I miei preferiti su Pinterest racconto come scegliere gli accessori in base alle occasioni ma facciamo un altro esperimento: immagina di indossare dei semplici jeans e una t-shirt. Fatto? Bene, sicuramente avrai in mente un’immagine un po’ troppo basic. Adesso aggiungi una bella collana sbrilluccicante, una manciata di bracciali e un anello vistoso… non ti sembra che quell’immagine abbia acquisito carattere? Non ti viene voglia di provarci?

Bene, la top ten si è conclusa ma prometto di continuare il discorso “Pochi capi, massima resa” richiesto da Anna il prima possibile; nel prossimo articolo facciamo il punto su come avere un guardaroba di pochi pezzi, riuscire a matcharli insieme e avere il maggior numero possibile di outfit.

Ci vediamo tra una manciata di giorni, se il mio articolo ti è piaciuto continua a seguirmi qui sul blog, su Pinterest e su Instagram!

2 Replies to “10 tips per non sembrare sciatte e avere sempre un aspetto curato.”

  1. Perfetti suggerimenti! Condivido tutto, basta poco, qualche accessorio e l’insieme diventa armonioso e mai banale o sciatto. Grazie Alessandra, è sempre un piacere leggerti

    1. Grazie, Dori! Ultimamente mi stanno arrivando tante richieste così ho pensato di scrivere delle mini-guide ad hoc. 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *